Bevi Jun o Kombucha di tè verde fermentato

102 Visualizzazioni 4 È piaciuto

Bevi jun o Kombucha di tè verde fermentato. Un antiossidante presente nel tè verde può aumentare i livelli di p53, una proteina antitumorale naturale, nota come "guardiana del genoma" per la sua capacità di riparare i danni al DNA o distruggere le cellule cancerose.

Pubblicato oggi su Nature Communications, lo studio rivela che esiste un interazione diretta tra p53 e il composto del tè verde, EGCG epigallocatechina gallato che punta come nuovo obiettivo la scoperta di farmaci contro il cancro.

“L'EGCG è il principale antiossidante nel tè verde, una bevanda popolare in tutto il mondo", ha detto Chunyu Wang, autore corrispondente e professore di scienze biologiche presso il Rensselaer Polytechnic Institute".

Ora scopriamo che esiste un'interazione diretta e precedentemente sconosciuta tra i due, che punta a un nuovo percorso per lo sviluppo di farmaci anti-cancro.

Il nostro lavoro aiuta a spiegare come l'EGCG sia in grado di aumentare l'attività anti-cancro di p53, aprendo la porta allo sviluppo di farmaci con composti simili all'EGCG ".

Wang, membro del Rensselaer Center for Biotechnology and Interdisciplinary Studies, è un esperto nell'uso della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare per studiare meccanismi specifici nella malattia di Alzheimer e nel cancro, inclusa la p53, che ha descritto come "probabilmente la proteina più importante nel cancro umano".

P53 ha diverse ben note funzioni anti-cancro, tra cui l'arresto della crescita cellulare per consentire la riparazione del DNA, l'attivazione della riparazione del DNA e l'inizio della morte cellulare programmata - chiamata apoptosi - se il danno al DNA non può essere riparato.

"Sviluppando una comprensione dei meccanismi a livello molecolare che controllano le principali interazioni biochimiche legate a malattie devastanti come il cancro e il morbo di Alzheimer, la ricerca di Chunyu sta gettando le basi per nuove terapie di successo", ha detto Curt Breneman, decano della Rensselaer School of Scienza.

Fonte: nature.com

Lascia un commento

Codice di sicurezza
Blog navigation
Ultimi post