Dare il nome a un tè

83 Visualizzazioni 16 È piaciuto

La denominazione dei tè è sempre stata problematica, specialmente quando ci sono così tanti modi diversi di farlo, per un numero così grande di varietà e nelle migliaia di luoghi nel mondo.

Nella denominazione del vino, si vede o il nome della regione o quello del vitigno, o entrambi. Si può avere così una buona idea del tipo di vino che si va a comprare. In alcuni casi esso è sinonimo stesso di qualità. Alcuni vigneti diventano così famosi che i loro nomi diventano il nome dei vini. Questo approccio sistematico rende facile per il mercato vinicolo capire il prodotto e cosa aspettarsi da esso.

Ebbene, nel tè, questa semplicità non esiste.

Ci sono diversi modi in cui si attribuisce il nome a un tè. Vediamo insieme quali sono:

Nome della cultivar

Un tè può prendere il nome dalla sua cultivar, come Aijiao Wulong, Huangzhi Xiang, ecc.

Associazione di aspetto

Alcuni nomi sono stati creati basandosi su un'immagine associata alla forma della foglia di tè dopo essere stata lavorata, come Baimudan (Peonia bianca), Biluochun (Lumache di primavera), ecc.

Descrizione della forma della foglia

Allo stesso modo, il nome di un tè può essere la descrizione dell'aspetto della foglia appena raccolta, come Guapian (che significa seme di melone), Maofeng (apice lanuginoso), Zixun (germoglio viola), ecc

Forma modificata del prodotto

L'aspetto di un prodotto può essere modificato abbastanza drasticamente dalla forma della foglia. Il nome della forma così modificata è usato a volte come nome del prodotto stesso. Matcha, Brick tea, Tuocha, ecc. sono solo alcuni esempi.

Processo di produzione

Lo stesso processo di produzione o il nome della sottocategoria del tè può anche essere il nome di attribuzione, come Sencha (tè al vapore), Gongfu Black Tea (precedentemente tradotto come Congou e attualmente usato impropriamente in quasi tutti i marchi occidentali), White Tea, ecc.

Condizione di produzione

Una particolare condizione di produzione legata alla qualità finale di un prodotto viene usata nel nome per ottenere un certo prestigio per alcuni tè. Come per esempio Kabuse-cha (tè di crescita ombreggiata), Dancong (raccolto a cespuglio singolo), Yancha (tè dalle scogliere), ecc

Nome della regione

Si usano anche nomi di regioni, come Pu'er, Dongding, Darjeeling, ecc.

Nome di classificazione

I nomi dei gradi, per quanto limitati, hanno una forte presenza sul mercato occidentale, come Orange Pekoe (OP), Imperial Golden Tip, Gunpowder, ecc. Sopratutto nelle comunicazioni b2b, il gergo dei gradi è essenziale, in particolare per i prodotti del mercato di massa, comprese le etichette come STGFOP1, Zhu1, 401 ecc.

Storia o Leggenda

I nomi associati alla storia di un tè, che sia vera o inventata, sono abbastanza popolari: come Earl Grey, Monkey Pick, Da Hongpao, ecc.

Nome di marketing

Nomi puramente di marketing, inventati in illo tempore o attuali come per esempio Gyokuro, Oriental Beauty, English Breakfast, ecc.

Aroma aggiunto

Quando il gusto o l'aroma vengono aggiunti a un tè, anche il suo nome viene modificato per riflettere questo aspetto. Alcuni esempi: Jasmine Pearls, Milky Oolong, ecc.

Nome combinato

Ognuno dei precedenti può essere combinato per formare un nome finale. Quando si usa il nome della regione, si vedono nomi come Huangshan Maofeng, Xihu Longjing, Keemun Snails ecc. Quando una condizione di produzione è usata come qualificatore, si vede Darjeeling First Flush, Hand-roasted Biluochun, Yancha Shuixian ecc.

La qualità dietro un nome

È importante notare che mentre alcuni prodotti hanno un nome appropriato, gran parte della merce è solo lontanamente qualificata per il nome. Ho visto questa situazione in molti negozi di tè e anche grandi marchi.

L'irregolarità della qualità è prevalente per molte ragioni. Il processo di produzione enormemente diversificato è un aspetto. Il concetto estremamente polarizzato di tè come prodotto finale è tutt’altra cosa.

Per esempio, ciò che è un grado premium superiore in una certa marca può rappresentare una qualità ordinaria per un'altra.

Fondamentalmente non ci sono leggi o regole per stabilire come un produttore o commerciante debba nominare un prodotto. L'unica soluzione è lo shopping comparativo.

I nomi di regioni prestigiose sono spesso presi in prestito per etichettare un prodotto, anche se in realtà le produzioni autentiche di una regione rinomata non sono necessariamente una garanzia di qualità.

Una grandissima impresa internazionale ha comprato la collina dove si trovano i quattro cespugli di tè shuixian originali chiamati Da Hongpao. Si potrebbe pensare che abbiano il meglio per questo tripo di tè. Avevano la rivendicazione di origine legittima, vendendo tuttavia il prodotto a un prezzo estremamente basso con una qualità reale di un tè meno che commerciale in bustine.

Al contrario, ci sono solo un paio di famiglie che producono l'autentico Shiguping Wulong a Liaoxiya, un piccolo villaggio di collina nella minuscola regione che porta lo stesso nome del tè. meteo permettendo, le loro produzioni non hanno mai fallito. Producono solo un raccolto all'anno per garantire questa estrema qualità.

Al di là di questo, la qualità che un consumatore ottiene dall'etichetta è buona solo quanto la coscienza del venditore nel fornire le giuste informazioni.

Pubblicato in: Articoli

Lascia un commento

Codice di sicurezza
Blog navigation
Ultimi post