Pisello farfalla (Clitoria Ternatea)
zoom_out_map
chevron_left chevron_right

Pisello farfalla (Clitoria Ternatea)

Il pisello farfalla(Clitoria ternatea) è noto in inglese come butterfly pea o pisello blu. E’ un vegetale che appartiene alla famiglia delle Fabaceae. La forma dei fiori di questo rampicante ricorda l’organo genitale femminile umano, da cui il nome latino della pianta. Ha origine nell’isola di Ternate, nell’Indonesia orientale, e si è diffusa poi in tutto il mondo. Di solito cresce spontaneamente ai confini delle foreste o vicino alle sponde dei fiumi. È coltivata anche come pianta ornamentale. In quanto legume. La caratteristica più importante sono i suoi fiori dal colore blu intenso e hanno un sapore molto dolce. La cosa più stupefacente è che si può cambiare il suo colore dal blu al rosa! Basta aggiungere un ingrediente acido come succo di lime o succo di limone e l’azzurro si trasformerà istantaneamente in un bel viola.

Quantità Sconto unità Salva
3 10% 4,20 €
6 20% 16,80 €

14,00 € Tasse incluse

12,73 € Tasse escluse

Confezione da 50g
check Spedito in 24h

E’ conosciuto come pisello farfalla (butterfly pea per gli inglesi) ed è il fiore della clitoria ternatea, una leguminosa, parente stretta dei più comuni piselli.

Nei paesi asiatici è venerata come fiore sacro ed è molto usata nei rituali di venerazione. La somiglianza agli organi genitali femminili di questo fiore ha attribuito il nome Clitoria al genere e la città di origine Ternate, nell’arcipelago indonesiano, ha determinato il nome della specie ternatea.

Originaria dell’Asia equatoriale, è stata introdotta anche in Africa, Australia e nelle Americhe e oggi è anche diffusa in alcune zone del vecchio continente.

È una pianta erbacea perenne, con foglie ellittiche e ottuse. Cresce come un rampicante o una liana, e prolifera sopratutto in terreni umidi. La caratteristica più sorprendente di questa pianta è il colore dei suoi fiori, un vivido blu profondo, con macchie giallo chiaro. Sono lunghi circa 4 cm e larghi 3 cm. I frutti sono lunghi 5-7 cm, con baccelli piatti con 6-10 semi in ogni baccello. Sono commestibili quando sono teneri.

Viene coltivata come pianta ornamentale e come specie di rivegetazione (ad esempio, nelle miniere di carbone in Australia), richiedendo poche cure quando viene coltivata. Come legume, le sue radici formano una simbiosi con i batteri del suolo noti come rizobi, che trasformano l’azoto atmosferico in una forma utilizzabile dalle piante (un processo chiamato fissaggio dell’azoto), quindi questa pianta è anche usata per migliorare la qualità del suolo attraverso la decomposizione di materiale vegetale ricco di azoto.

Nel sud-est asiatico, il fiore è usato come colorante alimentare naturale per colorare il riso glutinoso e i dolci come il putugal eurasiatico, nonché come medicina ayurvedica. A Kelantan, nel nord-est della Malesia peninsulare, è un ingrediente importante nel nasi kerabu, conferendogli il suo caratteristico colore bluastro. Nelle cucine birmana e thailandese, i fiori vengono anche immersi nella pastella e fritti. Viene anche usato per colorare il piatto Nyonya Pulot tartal.

L’infuso si ottiene dai fiori essiccati e hanno la caratteristica di trasformarsi da blu a rosa-viola, aggiungendo del succo di limone nell’infuso. In Thailandia e Vietnam, questo tè di fiori di pisello blu farfalla è comunemente mescolato con miele e limone per aumentare l’acidità e trasformare la bevanda in un colore rosa-viola, per produrre per una bevanda di solito servita dopo cena, o come rinfresco in hotel e spa. La bevanda è una tipica bevanda locale come lo è la camomilla in altre parti del mondo. L’infuso si può preparare sia caldo che freddo.

Recentemente si sono interessati al pisello farfalla anche i barman e i mixologyst che li adoperano per rendere scenici i loro preparati alcolici. Aggiungendo qualche fiore di pisello farfalla nel gin per esempio si ottiene una bevanda blu che, mescolata a un po’ di acqua tonica, trasforma il liquido in un rosa acceso, proprio a causa del cambio del pH.

Ma la Clitoria Ternatea ha anche numerose proprietà che fanno bene al nostro organismo. Nella medicina tradizionale ayurvedica, gli vengono attribuite varie qualità tra cui il miglioramento della memoria, nootropico, antistress, ansiolitico, antidepressivo, anticonvulsivo, tranquillante e proprietà sedative. L’uso del suo estratto ha dimostrato la capacità di ridurre l’intensità del comportamento causato dalla serotonina e dall’acetilcolina.

Infine il fiore è usato per tingere le fibre naturali e questa pratica è molto diffusa in estremo oriente.

L’infuso non contiene teina e quindi può essere bevuto da grandi e piccini senza timori. il sapore è molto simile al tè verde, abbastanza erbaceo e può essere mescolato praticamente con qualsiasi altra pianta o infuso.

I fiori contengono una grande quantità antociani e quindi utili contro l’invecchiamento della pella e dei capelli. L’unica controindicazione sembra essere quella di non assumerlo durante la gravidanza, perché può causare contrazioni uterine. 

Ci sono numerose maniere per utilizzare il pisello farfalla in cucina: latte blu, cupcake viola, pane arcobaleno, pizza azzurra, risotto rosa e creme pasticcere multicolore. Solo la fantasia può essere un limite. Tenete presente che basta una piccola quantità per colorare i vostri piatti.

È sconsigliato per le donne incinte perché può causare contrazioni uterine.

Consultare sempre il proprio medico prima di assumere il prodotto per fini terapeutici.

7016
26 Articoli
Paese d'origine
Indonesia
Quantità
12-15 g/litro
Tempo d'infusione
15 minuti
Temperatura dell'acqua
100°
Particolarità
Adatto per kombucha
Proprietà
Ansiolitica
Anticonvulsiva
Antidepressiva
Antistress
Nootropica
Sedativa
Tranquillante

Riepilogo

5

star star star star star

(1 Recensioni)

Seleziona un punteggio per filtrare le recensioni.

Solo i clienti che hanno già comprato possono aggiungere una recensione.
Valutazione
star star star star star
26/02/2022
star Acquirente Certificato

Assaggiato oggi per la prima volta, subito mi ha lasciato un po' perplessa perchè pensavo di sentire un sapore come i fruttati, ma ci si deve abituare....poi ho preparato il rooibos e ho mescolato i due infusi, molto piacevole!!!
La prossima volta lo miscelerò con altro, tanto la scelta non manca.

Potrebbe anche piacerti